E’ da oggi disponibile in Italia un nuovo farmaco per il trattamento della psoriasi nella forma ‘da moderata a grave’, con un’azione più rapida all’inizio della terapia, oltre che più consistente e duratura rispetto agli altri farmaci finora attivi.

E’ guselkumab, primo trattamento biologico inibitore dell’Interleukina 23 (IL-23), sorta di ‘interruttore generale dell’infiammazione’. E la psoriasi è proprio una malattia infiammatoria, oltre che cronica, recidivante, invalidante con un grave impatto sulla qualità della vita. Ne soffrono 125 milioni di persone nel mondo e si stima che siano almeno un milione in Italia.

“L’IL-23 – spiega Antonio Costanzo, responsabile della Dermatologia all’Istituto Humanitas di Milano – è una proteina del sistema immunitario, stimolatrice della produzione di altre interleukine”, come la IL-17, responsabile più diretta delle placche psorisiache.

Guselkumab quindi, inibendo IL-23, inibisce a cascata altri regolatori dell’ infiammazione. Il farmaco ha dimostrato già dopo 2 mesi di trattamento un miglioramento pari o maggiore del 90% nel 40% dei pazienti; dopo 4 mesi la stessa percentuale di miglioramento ha raggiunto il 73,3% dei pazienti, mentre un miglioramento pari o maggiore al 75% ha raggiunto il 91,2% dei pazienti. Miglioramento che viene misurato con l’indice PASI che combina l’estensione delle lesioni (in base alla percentuale di superficie corporea interessata) e la loro gravità con altri segni clinici.

“Queste elevate percentuali di risposta clinica – sottolinea Costanzo – si sono mantenute anche dopo tre anni nell’82,8% dei pazienti. Ma si è visto che anche interrompendo la cura la sua efficacia si mantiene a lungo: la psoriasi torna, ma molto lentamente: ci sono pazienti che hanno una recidiva tra la 24/a e la 48/a settimana, ma il 36% non ha un ritorno delle placche anche a un anno dalla sospensione della terapia. Per questo si pensa che in alcune persone il farmaco possa riuscire a modificare la malattia e si possa sperare un domani di parlare di guarigione”.

Viene somministrato con iniezione sottocute all’ inizio della cura, seconda iniezione dopo 4 settimane e poi con una iniezione ogni due mesi come terapia di mantenimento. L’AIFA autorizza la prescrizione di Guselkumab – precisa Costanzo – per pazienti con forma ‘da moderata a grave’ (40% del totale) sopra PASI-12 (12% della superficie corporea) ma considerando anche alcune ‘localizzazioni severe’, come nei genitali. Solo lo specialista può prescriverlo in base, appunto, ai criteri stabiliti dall’AIFA.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata