Quasi 10mila alunni delle scuole piacentine, liguri e lombarde, sono stati educati e formati all’utilizzo di un defibrillatore e alle manovre per soccorrere una persona colpita da arresto cardiaco improvviso.

E’ questo uno dei dati più importanti che la cardiologa Daniela Aschieri, presidente dell’associazione Progetto Vita di Piacenza – che da anni in Italia si occupa proprio della diffusione degli apparecchi salvavita sul territorio – ha presentato al congresso mondiale di Cardiologia che si è svolto a Dubai.

Sul palco, davanti ai luminari mondiali della cardiologia, il medico piacentino, primario dell’unità di Cardiologia dell’ospedale di Castelsangiovanni, ha presentato gli importanti risultati del lavoro svolto negli ultimi anni in Italia, non solo nelle scuole, ma anche negli impianti sportivi dotati di defibrillatore automatico, dove la percentuale di vite salvate è arrivata al 92 per cento.

“Non si può essere indifferenti ad una strage silenziosa come quella dell’arresto cardiaco che colpisce 60mila italiani all’anno, senza sapere come iniziare le manovre di soccorso. Scuole, discoteche e condomini gli obiettivi della nostra associazione” ha commentato la Aschieri.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata