BIOraffineria: energia pulita dallo scarto del vino, riducendo i rifiuti

Ricavare energia pulita dagli scarti della filiera vitivinicola utilizzandoli in cantina per ridurre i costi di trattamento dei rifiuti e produrre energia elettrica pulita. Questo sarebbe il progetto BioVale -BIOraffineria: VALore aggiunto dei sottoprodotti Enologici- promosso dal Dipartimento di Scienze e Tecnologie Chimiche dell’Università di Roma Tor Vergata, in collaborazione con l’Associazione Donne della Vite e finanziato dalla Fondazione AGER-Agricoltura e Ricerca.

Saranno proprio i due incontri del 29 gennaio a Soave nel veronese e il 30 gennaio a Poggibonsi nel senese, ad essere i punti chiave per mettere in contatto il mondo della ricerca, dell’industria e dell’enologia.

Osservando scopriremmo che la filiera vitivinicola produce infatti sottoprodotti e scarti come i raspi, le vinacce, le fecce e le acque di lavaggio della cantina, potrebbe essere ripensata in una nuova ottica di economia circolare, con l’introduzione del concetto di bioraffineria.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata