Più impianti per il compostaggio in tutta Italia, soprattutto al Sud e un superamento della legge su sfalci e potature. Sono alcune delle sfide per il Cic, Consorzio Italiano Compostatori, organizzazione senza fini di lucro che si occupa di promuovere e valorizzare le attività di riciclo della frazione organica dei rifiuti e ha come finalità la produzione di compost e biometano.

“Una criticità con cui ci stiamo confrontando oramai da tre anni è quella di sfalci e potature dove se da una parte ci viene riconosciuto un ruolo importante per il recupero delle sostanze organiche dall’altra parte ci sono delle situazioni legislative estremamente incerte sulle quali stiamo lavorando, è di questi giorni la pubblicazione di una norma che derubrica dall’ambitodei rifiuti sfalci e potature provenienti dall’ambito pubblico, riteniamo che questa legge non può funzionare”, ha detto Flavio Bizzoni, neo eletto presidente del Cic nell’assemblea dei soci.

Un problema per ambiente e ciclo rifiuti dicono dal Cic, poprio mentre il compostaggio vive un periodo positivo, ha spiegatoAlessandro Canovai, ex presidente del Cic:

“La filiera del compostaggio e del biometano si è conquistata il posto che merita, dobbiamo recuperare la fiducia dei cittadini quando andiamo a proporre l’installazione di impianti, infrastrutture che hanno la stessa dignità di un ospedale o una scuola, una società se vuole dirsi civile deve avere anche un impianto di riciclaggio dei rifiuti”.

Massimo Centemero, direttore generale del Cic, ha fatto il punto della situazione su impianti e differenziata:

“Crescono gli impianti, le differenziate, le quantità di compost prodotte, purtroppo sono crescite che non sono omogenee in tutta Italia, nel Sud crescono un po’ le raccolte differenziate ma impianti non se ne vedono, quindi questa è una piccola grande criticità,quindi gli impianti nel centro e nel sud Italia dovrebbero essere aumentati”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata