Oggi ad Universo Steiner vi proponiamo l’intervista ad Alessandro Adorni, antroposofo ed esperto di agricoltura biodinamica, a cura della giornalista Claudia Barigozzi.

Tema della puntata: I 4 temperamenti, chiavi fondamentali per l’approccio alla vita. L’osservazione e lo studio dei quattro temperamenti rappresenta una chiave di lettura universale per conoscere e comprendere l’essere umano in divenire, indirizzando così l’intervento educativo in modo mirato ed efficace. Come rapportarsi con un bambino dal focoso temperamento collerico? Come aiutare il bambino timido ed introverso a stemperare la propria malinconia? Come può il brioso e frenetico sanguinico trovare dei momenti di concentrazione e tranquillità? E il pacifico flemmatico come può apprendere più velocemente?

Già nel V secolo a.C. il medico greco Ippocrate formulò una classificazione sui temperamenti di base dell’uomo e fino alla metà del XIX secolo era abituale parlare dei quattro temperamenti, i quali sono connessi sia con le quattro forze fondamentali (Corpo, Anima o Psiche, Mente, Spirito) che concorrono al manifestarsi della complessiva realtà umana, sia con i quattro elementi primordiali cioè Terra, Acqua, Aria, Calore o Fuoco.

Ancora oggi nell’uomo moderno questi quattro elementi primordiali sono mescolati in proporzioni diverse e da questa mescolanza dipende l’emergere di un temperamento sugli altri. Il collerico è in relazione con l’elemento fuoco, il sanguinico con l’aria, il flemmatico con l’acqua e il malinconico con la terra; i quattro elementi presi singolarmente e nelle loro numerose combinazioni formano la molteplicità dei caratteri umani. Ad ogni tipo di temperamento appartiene un corrispondente corpo fisico con caratteristiche somatiche ben definite e delineate e si esprime mediante precise qualità psicologiche proprie della persona.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata