Cosa si intende per Medicina Funzionale? Ce lo spiega l’oncologo e nutrizionista Dottor Guido Porcellini, Medico Chirurgo, Oncologo (Detox da chemio con sostegno del malato oncologico), esperto di Malattie autoimmuni, Dietologo, Specialista in Alte prestazioni sportive e Specialista in Medicina Funzionale. Nutrizionista di sportivi di primo livello di tennis, nuoto, basket, volley, rugby, etc.. Il dottor Porcellini focalizza il proprio interesse sui “disturbi funzionali” ponendo l’accento sulla causa invece che sul sintomo. Il sistema diagnostico e terapeutico della medicina funzionale si basa sui meccanismi di regolazione e di controreazione allo stress dei sistemi viventi, con l’intenzione di stimolare l’organismo a ritrovare il naturale equilibrio. In questo approccio viene data attenzione alla reattività fisiologica e alla capacità di autoregolazione del sistema.
L’obiettivo è dunque mettere il sistema in condizione di recuperare da solo, compensando gli stressori responsabili dei sintomi. Tra i meccanismi di regolazione dei sistemi viventi vi è la regolazione neurovegetativa (sistema ortosimpatico e parasimpatico), la regolazione metabolica (catabolica o anabolica) e la regolazione cerebrale. Fulcro della medicina funzionale è dunque la conoscenza dei meccanismi fisiologici di regolazione, al fine di individuare rapidamente il giusto protocollo terapeutico per favorire il corretta equilibrio del sistema.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata