Dalla periferia si sono spinti fino in città, rischiando così di finire abbattuti come succede ai loro simili nel 90 % dei casi: i cinghiali protagonisti di questa storia però, hanno avuto una fine migliore, grazie all’associazione Iene Vegane che da mesi li teneva d’occhio e si preparava a catturarli per portarli in un luogo adatto a loro.

Il viaggio della famiglia di cinghiali salvati si conclude nel santuario di Porci Komodi, dove gli animali vivranno nella natura. Ricordando che i cinghiali non sono aggressivi come si crede e che se incontrati non vanno nutriti, la Iene vegane colgono l’occasione per ringraziare i veterinari che hanno preso parte a questa bella storia. Oltre al dott. Gianmaria Pisani, anche il dott. Claudio vecchio e il dott. Matteo Ambasi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata