Energia, il futuro professioni sempre più sostenibile e digitale

Energia, il futuro professioni sempre più sostenibile e digitale

Il futuro delle figure professionali nel settore dell’energia sarà sempre più digitale e sostenibile. E’ quanto emerge da una ricerca condotta dalla Luiss Business School per Manpowergroup, denominata “Traiettorie evolutive e competenze per le imprese energy”.

Dall’analisi emerge che le competenze digitali sono diventate fondamentali per le aziende che operano nel settore dell’Energia, insieme alla necessità di sviluppare la cosiddetta “transdisciplinarità”, che si integra con il concetto di flessibilità, divenuto chiave per le organizzazioni, le quali lavorano alla costruzione di team agili e di contesti dinamici in cui le singole funzioni non siano isolate, come spiega Paolo Boccardelli, direttore Luiss Business School:

“Il settore energetico si sta trasformando e riconfigurando per rispondere ad esigenze come la sostenibilità e la profonda innovazione. Oggi abbiamo bisogno di città intelligenti e allo stesso tempo, chi produce e distribuisce energia, deve rispondere a questo fabbisogno. Tutte le organizzazioni del settore si stanno trasformando verso una data driven society, quindi una data driven organization, che ha bisogno di nuove competenze. Competenze e analisi dei dati, competenze sul digitale, ma al di là dell’immissione di nuovi profili professionali, è tutta la cultura organizzativa che deve evolvere verso la società del digitale e la società dei dati”.