Case ACER di Piacenza: Anna Maria merita un alloggio “sano”

Vivere in una casa popolare in pessimo stato non è semplice, soprattutto se hai cinque anni e mezzo e, all’età di un anno, hai subito il calvario di un trapianto di midollo osseo perché sei affetta da Talassemia Major. Quella che vi stiamo per raccontare è la storia di Anna Maria, una bimba che, con la sua famiglia, abita in un appartamento di un palazzone di proprietà dell’ACER nel quartiere Farnesiana, a Piacenza.

Come documentano le immagini e come raccontano i genitori, l’abitazione avrebbe bisogno di essere quantomeno ristrutturata, dal momento che quando piove, dal soffitto cade acqua, la muffa si impossessa dei muri e troppo umidità non crea l’ambiente ideale per la salute di Anna Maria che, soffre anche di nefrite, per cui, una volta alla settimana, deve recarsi in ospedale, a Pavia per sottoporsi ad una terapia in grado di tenere alta l’emoglobina.

Il rischio è che i suoi reni si blocchino, mettendola in serio pericolo. Della situazione di questa famiglia si sta occupando il Comitato Rete Case Popolari di Piacenza.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata