Coronavirus, lo starnuto in 3D per creare mascherine migliori

Il coronavirus è un virus respiratorio, quindi principalmente si trasmette attraverso le goccioline del respiro (droplets) che si propagano soprattutto tossendo o starnutendo.Ma come funziona uno starnuto?

Se lo è chiesto la comunità online 3DEXPERIENCE, incubatore Dassault Systèmes, dedicata al Covid 19, che ha all’attivo diversi progetti collaborativi per trovare soluzioni che aiutino a combattere il virus. Fra cui la simulazione 3d dello starnuto umano per migliorare la progettazione di dispositivi di protezione personale.

Le simulazioni consentono di analizzare che cosa succede quando una persona starnutisce, comprendere meglio l’efficacia dei vari dispositivi di protezione che vengono sviluppati e utilizzati e contribuire a migliorarne la progettazione per renderli più efficienti, in modo che possano aiutarci a convivere il più possibile protetti con il virus.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata