Coronavirus, Piacenza sperimenta l’eparina con successo

Da Piacenza arriva una nuova speranza di cura per il coronavirus: all’ospedale di Castel San Giovanni, che dallo scorso 29 febbraio è diventato il primo centro covid-dedicato in Italia, è infatti nata l’idea dell’utilizzo di eparina nei casi di polmonite interstiziale.

Tutto è partito dall’intuizione del primario di chirurgia plastica, Marco Stabile, che aveva già utilizzato l’eparina nella cura dei grandi ustionati. La terapia sfrutta da un lato il potere antiinfiammatorio dell’eparina e, dall’altro, la sua capacità anticoagulante. Grazie a quest’ultimo elemento, si può prevenire una delle maggiori complicanze osservate nei pazienti Covid positivi: la trombosi diffusa.

Abbiamo approfondito l’argomento con il dottor Stabile e altre figure professionali piacentine che collaborano nell’applicazione della cura, nello speciale curato da Claudia Barigozzi.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata