Didattica online: ‘Più laboratori, meno videolezioni’

Non per essere esterofili però guardando altri paesi del Nord Europa non si capisce perché loro abbiano riaperto le scuole e l’Italia no.

E’ questo uno degli spunti di riflessione che il pedagogista piacentino Daniele Novara ci invita a fare in questa intervista dedicata ai bambini, alle conseguenze del lockdown che hanno subito e alla didattica online. Novara, fondatore della pedagoga maieutica, contesta in particolare il ‘video lezionismo’ delle scuole, come eccesso di video lezioni, di incombenze. Il bambino in difficoltà nel contesto della clausura casalinga,  ha le capacità di concentrazione  bassissime, per cui dovrebbe essere coinvolto in laboratori e attività che devono essere concentrate nel tenerli vivi. Passare ore davanti ad uno schermo, per loro è solo uno stress.

Daniele Novara,  invita gli insegnanti a non dare voti o fare interrogazioni durante le lezioni a distanza. Nell’intervista si rivolge anche ai genitori e in generale chiede a tutti di riflettere come nel contesto del Coronavirus ci sia un po’ scordati di loro e delle loro esigenze.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata