“Il Gabbiano” apre le porte ai pazienti Covid-19 stabilizzati

La realtà di cui parla il signor Vincenzo è quella con cui abbiamo dovuto imparare a convivere dalla fine di febbraio quando, il Coronavirus, è entrato nella nostra quotidianità e l’ha stravolta.

In provincia di Brescia sono quasi 14mila le persone contagiate e oltre 2500 quelle che non ce l’hanno fatta. Numeri da brivido a cui però si devono affiancare quelli degli oltre 7mila guariti. Molti hanno lasciato i reparti Covid degli ospedali per proseguire la convalescenza in strutture dedicate come succede a Pontevico.

Nell’ex ospedale, che da dieci anni ospita l’hospice e fino a qualche mese fa il reparto per sub acuti, gestito dalla Cooperativa sociale Il Gabbiano, si sono aperte le porte per i pazienti Covid stabilizzati. Il nostro viaggio per raccontarvi la vita dei positivi prima del rientro a casa e in famiglia, parte da questo comune della bassa, laddove, lo scorso 24 febbraio, si registrò il primo contagio del bresciano, ed era un dipendente della Cooperativa che lavorava con i disabili.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata