Mantova. La sperimentazione sul plasma iperimmune utilizzato per combattere il covid, che ha avuto successo su almeno ottanta pazienti positivi al virus, condotta al Carlo Poma di Mantova insieme al San Matteo di Pavia, ha fatto registrare solo successi. E l’articolo scientifico con i risultati della sperimentazione della plasma-terapia è in via di definizione e verrà presentato a una prestigiosa rivista scientifica per la pubblicazione. Nel frattempo, dai social, è praticamente sparito il dottor Giuseppe De Donno, primario di pneumologia del Carlo Poma, salito alla ribalta delle cronache per l’efficacia della plasma terapia con cui a Mantova sono state curate un’ottantina di persone malate di Covid, tra cui una mamma in attesa.  I suoi profili Facebook non ci sono più e la scelta di sospenderli, magari momentaneamente, è stata dello stesso dottore. E’ comunque innegabile che la terapia con il plasma iperimmune stia facendo discutere medici e scienziati e, nel frattempo, Il lavoro svolto col plasma sarà valutato da una commissione che, secondo la prassi, opererà in silenzio, autonomia e anonimato per fornire il responso che potrebbe arrivare già la prossima settimana. Confidando in una valutazione positiva, il gruppo di professionisti di ASST impegnato nello studio ritiene di rispettare questo iter e attendere il momento in cui tutto sarà compiuto per diffondere i risultati della ricerca.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata