Da oltre un mese, fuori dai cancelli dell’Università di Parma, prosegue il presidio di Katia Ruggiero, presidente dell’Associazione Vegani Italiani della città ducale, per chiedere di fermare il progetto Light-Up sui macachi. Lo studio, portato avanti dalle Università di Parma e Torino ha l’obiettivo di capire come il sistema visivo rappresenta una scena davanti ai nostri occhi e che cosa succede quando c’è una lesione al cervello. All’interno del campus c’è uno stabulario dove, da oltre un anno, vivono i due macachi Alan e Larry, esseri viventi che soffrono come gli umani. Gli attivisti sono ancora in attesa di risposte alla lettera inviata al Rettore.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata