Cremona Da più fronti arrivano critiche e disappunto sulla scelta di regione Lombardia di avviare la didattica a distanza o digitale a partire da lunedì 26 ottobre, ma Fontana non fa un passo indietro. Il presidente di Regione Lombardia, in videoconferenza  con Anci e sindaci sulla parte del provvedimento anticovid, dichiara di assumersi personalmente le proprie responsabilità per la decisione presa. Intanto però arriva il monito di Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi che dice che la didattica in presenza è un valore da preservare il più possibile. In una conferenza di servizio urgente di ieri con i Dirigenti scolastici della provincia di Cremona anche Il dirigente dell’Ust Cremona,  Fabio Molinari ha segnalato alcune possibili criticità che il ricorso esclusivo alla DAD potrebbe causare alle scuole del territorio.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata