Le erbe cinesi per affrontare il Covid-19

In un approfondimento dedicato alle terapie per affrontare il covid la giornalista Loretta Gregori ha intervistato il dottor Camillo Luppini, fondatore della scuola Tao di Bologna che ha spiegato quali sono le erbe cinesi utili per affrontare questa malattia. Lo avevamo già intervistato la scorsa primavera quando stava curando i suoi pazienti, alcuni anche gravi. In questo lasso di tempo, la pratica sul campo ha dimostrato che la medicina cinese funziona.

In Medicina Cinese la strategia terapeutica nella fase iniziale della patologia è l’utilizzo di erbe per “la regolazione dell’umidità e il dissolvimento del tan” e per la “dispersione del calore ed azione antinfettiva” per limitare e debellare il virus; nella fase centrale occorre porre l’accento sul migliorare la sintomatologia e controllare l’evoluzione della patologia utilizzando erbe delle classi di “dispersione del calore e dissoluzione del tan, stimolo circolatorio del sangue e azione antinfettiva”.

Nella fase finale è indispensabile sostenere e aiutare la difesa dell’organismo (zheng qi), tonificare il Qi e nutrire lo Yin, eliminare il calore persistente. Ma quali erbe si usano in questa antica medicina? Eccone alcine: JINYINHUA (FIORI DI CAPRIFOGLIO) , LIANQIAO (FORSIZIA), LUGEN (RADICE DI PHRAGMITE, JINGJIE .

Qualcosa di più sul dottor Camillo Luppini:

Laureato in medicina e chirurgia, si specializza a pieni voti in geriatria e gerontologia presso l’Università di Parma; presta servizio come internista per tre anni. Si diploma in agopuntura a Milano e successivamente si qualifica in Farmacologia Tradizionale Cinese a Bologna come allievo del Dott. Massimo Muccioli e in seguito ottiene il Diploma di Fitoterapia clinica presso l’USL 11 di Empoli. Dal 2006 è docente di agopuntura e farmacologia cinese presso ScuolaTao e fino al 2009 è professore a contratto presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università La Sapienza di Roma, dove ha insegnato nel Master di II livello “Integrazione tra medicina tradizionale cinese e medicina occidentale”. Nel 2011 e per l’anno accademico 2012/2013 è professore a contratto nel Master di alta formazione dell’Università di Bologna. Attualmente insegna Agopuntura, Medicina cinese e Farmacologia cinese presso le sedi ScuolaTao di Bologna e del Canton Ticino. Ha partecipato ad alcuni stage formativi in Cina, presso l’Università dello Zejiang ad Hangzhou (2012) e dello Yunnan a Kunming (2013).

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata