E’ strettissimo il legame tra la salute intestinale e la risposta dell’organismo all’infezione da sars cov 2. E’ quanto rileva uno studio pubblicato su Gut che individua come uno squilibrio dei batteri presenti nell’intestino sia frequente nei pazienti con Covid-19 e collegato ai sintomi più gravi della malattia. Lo studio si è basato  sulla raccolta di campioni di sangue e fecali di 100 pazienti contagiati. La raccolta è proseguita per 30 giorni anche dopo l’eliminazione del virus. Il confronto con campioni di pazienti sani ha rivelato che chi si era malato aveva la composizione del microbioma intestinale significativamente alterata.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata