Tumori, infarti e ictus nell’era Covid: Quali conseguenze?

Sono tragici i dati degli interventi rimandati o delle diagnosi mai effettuati. Si parla di un 50 per cento di morti in più per infarto e di altrettanto diagnosi mancate per malati oncologici.

Sul tema, la giornalista Loretta Gregori, ha intervistato il professor Luigi Cavanna, direttore del dipartimento di Oncoematologia dell’Usl di Piacenza. Dopo aver illustrato dati e situazioni specifiche il noto medico piacentino ha ribadito un concetto che porta avanti sin dall’inizio della pandemia.

Perchè gli ospedali possano curare tutti ed al meglio devono essere sollevati dal carico dei malati covid.

E come? Con le cure domiciliari.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata