Un nuovo regalo alla lobby della caccia, quello auspicato dalla Nega Nord con le deroghe  regionali che rappresentano il più attacco alla fauna selvatica di tutti i tempi. Nel mirino potranno finire specie protette, ci saranno meno controlli e con una  nuova delibera si potrà cacciare gli uccelli migratori nei valichi montani che per legge devono essere invece vietati alla caccia, secondo la Legge 157 del 1992 sulla protezione della fauna e regolamentazione della caccia. Come se non bastasse le associazioni venatorie, firmatarie di una lettera unitaria indirizzata alla Regione, esercitano forti pressioni per chiedere alla Giunta di modificare le norme che regolano il possesso di richiami vivi. Tantissime associazioni non ci stanno e propongono online una petizione contro questo enorme passo indietro nella tutela della fauna selvatica.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata