Stefano Montanari, insieme alla prof.ssa Antonietta Gatti, esperti di nanopatologie, presso il laboratorio NewNanodiagnostics di Modena, studiano da più di venti anni gli effetti delle polveri sottili nel nostro organismo. In questa puntata speciale di “Medicina e Ricerca, nuove frontiere” parleremo dello spettro autistico.

Secondo il premio Nobel Montagnier nel 2030 un bambino su due sarà autistico: una prospettiva allarmante che pone grandi quesiti sulla futura società mondiale. I ricercatori Gatti-Montanari hanno ricondotto parte del problema a l’inoculazione di alcuni vaccini soprattutto in età precoce e in particolari condizioni. Attraverso l’uso del microscopio elettronico hanno potuto vedere, nei campioni di tessuti analizzati, la presenza di nanoparticelle incompatibili con la vita. Sempre secondo gli studiosi curando il microbiota è possibile migliorare la vita di persone affetta dallo spettro autistico.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata