Cremona. Con una lettera, gli infermieri di tutta Italia, compresi quelli di Cremona, si sono rivolti alle principali istituzioni italiane perché a rischio c’è la sopravvivenza della professione. Nel corso di questi due anni si sono fatti conoscere per spirito di sacrificio, abnegazione, riposi saltati, dimostrando di essere la spina dorsale di ogni sistema sanitario. In questa situazione si inseriscono i problemi del territorio cremonese, che si sono acuiti negli ultimi anni. Ora dunque la categoria, che ha sempre affrontato le questioni in modo serio e pacato, dice basta: servono risposte concrete perché così rischia di morire una professione fondamentale per la salute e si rischia di tradire la fiducia dei cittadini.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata