Il gravissimo inquinamento di Cremona continua ad infiammare il dibattito cittadino. La vicenda Tamoil, il silenzio inspiegabile sulla Vernisol, la mancanza di un piano del verde e il recente rapporto Mal’Aria di Legambiente secondo cui quella del Torrazzo è la città peggiore in Italia per concentrazioni di polveri ultrasottili, le  pericolosissime PM 2,5 non fanno altro che sottolineare come sia ormai prioritaria un’inversione di tendenza. Un ultimatum per garantire un futuro.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata