Anche a Cremona A2A ha deciso di mantenere invariati i prezzi, indicizzati all’1 gennaio 2022, delle bollette evitando così rincari che nelle prossime settimane sono previsti in crescita fino al 50%.  Rialzi vertiginosi che la multiutility attribuisci al conflitto in Ucraina anche se, in realtà, già da qualche mese sono in atto anche per gli utenti allacciati alla rete del teleriscaldamento che, teoricamente, dovrebbe contenere i costi, in quanto collegato all’energia prodotta dai rifiuti bruciati nell’inceneritore. Nelle casse di Aem Cremona arriveranno poi 2,4 milioni di euro come utile derivante dall’aumento del prezzo del gas, non prodotto da A2A ma comprato e rivenduto.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata