Cremona I dati sull’occupazione a Cremona sono estremamente preoccupanti. I numeri ufficiali del Sistema Informativo Statistico di Regione Lombardia ci mostrano un febbraio in cui si evidenzia un dato lievemente positivo a livello complessivo, più 97 unità. Ma, se analizziamo il dettaglio, emerge che i contratti a tempo indeterminato sono scesi di 126 unità, e sono aumentati solo i contratti flessibili. Per il mese di marzo attendiamo le nuove statistiche; abbiamo però già i numeri della cassa integrazione, cresciuta in provincia di Cremona: 230mila ore di cassa autorizzata dall’Inps, rispetto alle 76000 ore richieste a gennaio e 1900 a febbraio. La situazione è grave perché da marzo, quando sono esplosi i prezzi di materie prime ed energia, le aziende sono in forte difficoltà. Con tutta probabilità i primi costi da tagliare saranno quelli del personale e dunque non verranno rinnovati i contratti a tempo determinato e quelli interinali, detti anche “di somministrazione”.

Paola Talamazzi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata