Rigettare l’invito alla guerra e al riarmo, leggere gli interessi che stanno muovendo le fila di un conflitto che ci sta coinvolgendo e che si fa sempre più sanguinoso e pericoloso, e infine scegliere l’unica possibiliutà: la via della pace. Lo dice a chiara voce il professor Alessandro Meluzzi, noto psichiatra, politico e saggista, che denuncia il rischio di farsi trascinare in un punto di non ritorno.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata