L’abbattimento dei 140 animali della Sfattoria degli Ultimi, disposto dalla Asl di Roma 1, era stato sospeso fino al 18 agosto dal Tar, che aveva accolto il ricorso presentato dai titolari, dando loro questo termine per presentare la documentazione per la biosicurezza. Ma poi la scadenza per la presentazione delle carte richieste è stata anticipata alle 23.59 di ieri. Secondo la fondatrice si tratta di un fatto inaudito, che lede il diritto alla difesa. Gli animalisti sono molto preoccupati per il destino dei poveri animali e chiedono una mobilitazione da tutta Italia.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata