Legambiente ha recentemente realizzato la  mappa del rischio climatico in Italia, unico dai grandi paesi europei ad essere sprovvisto di un piano nazionale di adattamento al clima in bozza dal 2018. Le conseguenza dei cambiamenti climatici e gli eventi estremi hanno riguardato però  anche Cremona, con danni quest’anno  ingentissimi. Il circolo Vedo verde ha salutato con positività l’avvio dei lavori della consulta del verde, ma promette di mantenere alta l’attenzione e di spronare l’amministrazione ad agire, ipotizzando un modello di sviluppo sostenibile. Un fronte su cui nessuno può più temporeggiare è poi quello dell’inquinamento dell’ex raffineria Tamoil, dove terreni e acque sono contaminate e dove i veleni continuano a fuoriuscire. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata