Salute. Oggi si celebra la giornata mondiale di sensibilizzazione verso l’Alzheimer, malattia che colpisce una buona fetta di popolazione mondiale. Questa patologia, complessa e multifattoriale ha una forte componente genetica. Si ritiene che la maggior parte dei casi sia causata dall’interazione di diversi fattori di predisposizione genetica con fattori ambientali. Ora una delle principali sfide della ricerca è quella di caratterizzare meglio i suoi fattori di rischio identificando i processi fisiopatologici in gioco e, quindi, proporre nuovi bersagli terapeutici. Ne parliamo con Andrea Pilotto, neurologo e ricercatore.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata