Casalasco. L’aria di Casalmaggiore è malata e i dati ufficiali non sono in grado di scattare una fotografia fedele della situazione. Le centraline Arpa infatti erano state posizionate per rilevare i valori medi nel comune, ma grazie alle due centraline dal basso posizionate dai cittadini è possibile ora determinare i picchi di inquinanti anche nelle zone già critiche, come l’Asolana. Il gruppo consigliare Vivace e Sostenibile ha preparato un esposto sulla situazione dell’aria, con richieste precise.

Susanna Grillo

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata