Incidenti sulle strade: nel mantovano morte madre e figlia

(Mn/Cr) Sono madre e figlia le vittime del terribile incidente mortale che si è consumato ieri nel mantovano a Bozzolo lungo la strada provinciale 10. Si tratta di Maria Arborio 70 anni e della figlia Gianina Maria Mentel di 45 entrambi residenti a Viadana. Quattro i feriti tutti ricoverati in codice rosso. Le due viaggiavano sull’Opel Corsa guidata dal figlio ventenne della donna più giovane e in compagnia del padre. A causare l’incidente un frontale con un impatto violentissimo: la Opel si è schiantata contro una Hyundai con a bordo un 59enne dermatologo e la compagna di 44 anni. Questi ultimi sono stati portati agli Spedali civili di Brescia. Sul posto sono intervenuti tre elicotteri, da Brescia, Bergamo e Como, insieme a polstrada, carabinieri, vigili del fuoco di Viadana. Statale bloccata per ore. All’origine dello scontro pare ci sia stata una mancata precedenza. Entrambe le vetture viaggiavano sulla statale provenendo da opposta direzione. Ad un tratto una di loro, nei pressi di un incrocio, ha girato a sinistra senza avvedersi dell’altra auto in arrivo.  Ma non si è trattato dell’unico incidente mortale sulle strade lombarde. Una domenica nera iniziata all’alba intorno alle 2,30 quando a perdere la vita è stato Davide Ghisoni morto in un incidente a Rivolta d’Adda nel cremasco. Il 41enne avrebbe perso il controllo della sua Lancia Musa lungo il rettilineo della provinciale che da Pandino porta in paese e si è ribaltato più volte. Sbalzato fuori dall’abitacolo, è stato ritrovato cadavere a fianco del veicolo. Sono intervenuti il personale sanitario del 118, i vigili del fuoco di Crema e i carabinieri. L’uomo lascia la moglie e due figli piccoli. Ed è invece di questa mattina un’altra tragedia che si è consumata nella bassa bresciana a Ludriano, frazione di Roccafranca: una donna di 82 anni è morta dopo essere stata investita da un camion.