Franchini chiede una benemerenza per De Donno al Presidente

Mantova. Durante la prima crisi pandemica, in assenza di cure certe, si attivava senza risparmio con i propri colleghi, nella possibilità di sfruttare plasma umano a fini terapeutici. Tale iniziativa permise di gestire con buoni risultati diversi casi di infezione da Covid 19”. Queste le motivazioni con cui Mantova ha premiato il professor Massimo Franchini, direttore dell’immunoematologia dell’ospedale Carlo Poma che, insieme al dottor Giuseppe De Donno e alla biologa Claudia Glingani ha creduto nella validità del plasma iperimmune, salvando vite.