Polmonite bovina negli allevamenti intensivi (Cr)

Cremona. Le malattie polmonari rappresentano una sfida significativa per gli allevamenti bovini intensivi della Lombardia, una regione nota per la sua intensa attività agricola. Queste malattie, spesso legate a condizioni di sovraffollamento, scarsa ventilazione e stress ambientale, possono compromettere il benessere degli animali. Tra le malattie polmonari più comuni nei bovini allevati in ambienti intensivi, troviamo la polmonite bovina, una patologia causata da agenti infettivi come batteri, virus e micoplasmi. La polmonite può diffondersi rapidamente tra gli animali in condizioni di sovraffollamento e scarsa igiene. Proprio di questo grave problema che sta colpendo gli allevamenti intensivi cremonesi si è discusso in un convegno di veterinari. Questa condizione può essere scatenata da stress termico, inalazione di polveri e gas irritanti presenti negli allevamenti intensivi, compromettendo la salute respiratoria dei bovini. Per affrontare efficacemente le malattie polmonari nei bovini degli allevamenti intensivi della Lombardia, è fondamentale adottare misure preventive e protocolli veterinari appropriati. Questi possono includere miglioramenti delle condizioni ambientali, come una migliore ventilazione e riduzione del sovraffollamento, pratiche di gestione ottimali.

Martina Colucci