Menopausa e andropausa sono due momenti critici nella vita delle persone e sono stati affrontati dal dottor Piero Mozzi in questa nuova puntata, in cui si parla dei cambiamenti ormonali che determinano tutta una serie di mutamenti a livello metabolico, di attività circolatoria cardiaca metabolica nel nostro organismo. Il  nostro motore vivente sta rallentando e dobbiamo rendercene conto:  il nostro “motore”, a un certo punto,  non va più ai 100 all’ora, ma comincia ad andare a 90, 70, a seconda di quello che si fa o di quello per cui si è programmati ed è lì che va ad incidere il discorso alimentazione: se pensiamo di introdurre in un motore che non va più a 100 all’ora la stessa quantità di carburante, ossia il cibo, sbagliamo,  perché poi ci troviamo ad avere a che fare con del materiale che non riusciamo a smaltire, quindi il colesterolo, i trigliceridi, la pressione si alzano, il peso e la glicemia aumentano e l’alterazione di questi fattori può portare a delle patologie. Tra i problemi da affrontare, quello della prostata nelle persone anziane era raro, mentre ora, così come determinate patologie nell’apparato genitale femminile, è collegato al fatto che i latticini sono diventati il primo prodotto alimentare consumato. Quindi, secondo il dottor Mozzi, alle persone che hanno problemi di prostata il consiglio disinteressatissimo da dare è proprio questo: la prima cosa da cui astenersi è il formaggio e, quindi, i latticini in generale.

Per ascoltare i vari casi trattati durante la puntata condotta da Antonella Baronio, è possibile fare riferimento al nostro canale youtube nell’apposita sezione dedicata al dot. Mozzi. Qui sono state caricate le varie parti della trasmissione legata all’andropausa e alla menopausa.

 

Per contattare il dott. Mozzi:

Località Mogliazze, Bobbio (Pc)

e-mail: info@mogliazze.it

Tel: 0523 936633 – Fax: 0523 936633

www.mogliazze.it

1 risposta

  1. Francesco

    Io da 4 mesi soffro di prostatite un vero calvario dapprima con infezione staphylococcus aureus, infezione debellata ma fastidi persistenti dolore allucinante all eiaculazione ed erezione inesistente 4 mesi di cure inutili non so più che fare.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata