Le condizioni dei conigli in gabbia sono indegne: questi animali passano tutta la loro vita senza cure, in spazi troppo stretti anche solamente per muoversi. La gabbia, infatti, è la peggiore pratica d’allevamento ed è lo strumento che più di ogni altro caratterizza i sistemi intensivi di produzione. Per questo bisogna fare qualcosa, per dire basta a tutto questo! Il 99% dei conigli allevati in Italia trascorrono tutta la loro vita in gabbie di batteria: un metodo crudele e primitivo che li priva della loro libertà e della possibilità di esprimere qualsiasi comportamento naturale.

E’ ora di dire basta!

L’Italia è il primo produttore di carne di coniglio in Europa e il secondo a livello mondiale. Solo nel nostro Paese, oltre 175 milioni di conigli ogni anno vivono in condizioni indegne e inimmaginabili.

Nell’estate di quest’anno abbiamo realizzato una video-inchiesta in alcuni allevamenti italiani di conigli, scelti a caso. Le immagini del video sono angoscianti e testimoniano le condizioni di squallore e sofferenza in cui sono allevati questi animali: madri usate come macchine da riproduzione, coniglietti considerati “in eccesso” abbattuti direttamente alla nascita, animali malati talvolta lasciati senza cure o morti sopra le gabbie dei conigli ancora in vita. Tutto questo deve finire! Unisciti a noi e chiedi al Ministro della Salute competente per il benessere animale Beatrice Lorenzin e al Parlamento Europeo di introdurre una legislazione che vieti l’uso delle gabbie per l’allevamento dei conigli. Le gabbie sono lo strumento che più di ogni altro caratterizza i sistemi intensivi di produzione, ovvero la principale causa di sofferenza per gli animali. Non consumando carne proveniente da allevamenti di conigli in gabbia e dicendo basta all’uso delle gabbie, cambierai milioni di vite.

Firma subito!

qui: https://www.change.org/p/basta-conigli-in-gabbia-bastagabbie?alert_id=NEYpRAKbQF_Z09MEPxTxG9LKIeiZ1HGabocSuHVJ8fHy04lhunjN50%3D&utm_campaign=163209&utm_medium=email&utm_source=action_alert

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata