L’Italia rappresenta il primo consumatore di carne equina in Europa. Una violenza che non trova giustificazione. Per tale motivo l’associazione “Essere Animali” ha deciso di documentare e denunciare la tratta che coinvolge i cavalli e la sofferenza fisica e psicologica a cui sono sottoposti. Questi interminabili e disumani viaggi senza ritorno partono dagli allevamenti e dai mercati di Polonia, Spagna, Francia, per poi giungere nel nostro Paese e in particolare nei macelli della Puglia. Qui, ad attendere questi animali c’è la morte, preceduta da terribili istanti durante i quali, i cavalli assistono, spaventati, all’abbattimento di chi li precede. Senza la possibilità di avere alcuna via di scampo. È più che mai importante, quindi, raccogliere l’appello di “EssereAnimali” per mettere, per sempre, la parola fine a questo business che toglie dignità ai cavalli, firmando la petizione su www.change.org

Per info: www.viaggisenzaritorno.it

www.essereanimali.org

Attenzione: le immagini potrebbero urtare la vostra sensibilità.

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata