Secondo quanto emerso nel corso della presentazione delle attività svolte dal servizio Cites del Corpo forestale dello Stato nel 2014, in Italia si consuma una violazione ambientale ogni 43 minuti. Inoltre, il traffico illegale di specie animali e vegetali protette o in via di estinzione è, con i suoi 23 miliardi di dollari stimati, al quarto posto dopo quelli di droga, armi ed esseri umani. In particolare, i reati contro animali e fauna selvatica rappresentano il 22% del totale. Il servizio Cites (Convention on international trade in endangered species of wild fauna and flora) ha, nel 2014, effettuato più di 68 mila controlli, di cui la maggior parte, circa 66 mila, in ambito doganale e più di 1.500 sul territorio nazionale. Lombardia e Toscana sono le regioni più controllate con più di 23 mila interventi ciascuna. Sono complessivamente 174 i reati accertati nel 2014, in calo rispetto ai 269 del 2013. In particolare sono stati posti sotto sequestro 389 animali vivi, 963 animali morti o parti di animali (come trofei di caccia o animali imbalsamati), circa 500 kg di anguille vive e 10 kg di coralli.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata