Medicina Amica affronta il tema della corretta alimentazione dal neonato all’età avolutiva. In studio, con Antonella Baronio, gli specialisti dell’ Azienda Ospedaliera di Piacenza: il Direttore del Reparto di Pediatria e Neonatolgia Dott. Giacomo Biasucci, la Dott.ssa Sara Riboni responsabile di diabetolgia dell’ambulatorio obesità e la Dott.ssa Maria Elena Capra, responsabile dell’ambulatorio dislipidemie, ci forniscono preziosi consigli per crescere bambini in salute. 

1 risposta

  1. Federica

    Cari, premetto che seguo Medicina Amica da anni e la adoro. Ospiti eccezionali e finalmente informazione scientifica e medica libera e approfondita! Riguardo a questa trasmissione ho delle critiche da fare nei confronti degli ospiti, perché nonostante dicano molte cose assolutamente sensate e condivisibili, poi hanno delle cadute irragionevole e non scientifiche. Il dottore dice di fare tanta attenzione alla salute dei bambini, perché in età evolutiva, e che quando si parla di nutrizione pediatrica bisogna basarsi sull’evidenza scientifica (ed empirica/statistica) e poi dice di svezzare un bimbo con la carne?! Se vogliamo vedere l’evidenza allora leggiamo The China Study per esempio (ma non solo). Poi dice niente latte vaccino sotto l’anno… vero, ma neanche dopo! E sappiamo bene perché, la scienza lo sa bene perché! Tanti tossici motivi purtroppo. E per fortuna qui il dottore lo dice… In tanti alimenti vegetali c’è il calcio ma non dice che è l’unico assimilabile al contrario di quello del latte e dell’acqua che invece crea calcoli e nel caso del latte anche acidosi (con conseguente consumo del calcio delle ossa). Il calcio che va nelle nostre ossa è nei vegetali. Ma sono cose risapute… forse è perché è un video del 2015 e forse allora erano meno diffuse queste conoscenze (cose dimostrate da decenni comunque). I bambini almeno nei primi 4-5 anni di vita in cui l’intestino è delicatissimo, non dovrebbero cibarsi di prodotti animali o industriali… e se lo fanno deve rimanere un’eccezione, non la quotidianità. Cibo naturale, integrale, in buona parte crudo e a base per lo più vegetale 🙂 E poi ELIMINARE i salumi, soprattutto ai bambini di cui dite soffrono di sindrome metabolica! Non limitarli… eliminarli. Fanno male e basta, non servono alla nutrizione! Poi se ne mangi una fetta l’anno, ok… non incide. Sono argomenti importanti e seri… E ancora inutilmente dicono “alimentazione equilibrata e sana” senza dire COME E’ l’alimentazione equilibrata e sana. Accennano all’evitare latte latticini e carne rossa.. un accenno in velocità. E poi parlano di latte e fette biscottate a colazione!!! Ma scherziamo? Latte vegetale al limite e sappiamo che le fette biscottate sono terribili per la salute. E non UN frutto ma MOLTA frutta, cereali integrali, marmellata senza zucchero su gallette di vari cereali o pane fatto in casa (o lievitato naturalmente con farine miste e integrali). A volte un dolce fatto in casa con ingredienti vegetali e naturali. Le proteine vegetali non hanno gli effetti collaterali di quelle animali. Sperimentato e provato dalla scienza. Ancora il discorso che non si debba demonizzare… ma chi demonizza? Semplicemente ci sono cibi che non nutrono e intossicano il nostro corpo e alimenti per noi fisiologici che ci nutrono e ci preservano dalla malattie, disintossicandoci. Il bimbo della signora (nonna) preoccupata, beve latte vaccino tutte le sere a 4 anni!! E’ tossico. Il latte vaccino fa male ai polmoni e altera gli ormoni e aumenta il colesterolo/trigliceridi, ecc. Ma come si fa a dare un alimento tanto pesante e dannoso TUTTE le sere ad un bambino?! E i medici presenti non hanno suggerito di smettere. Scusate lo sfogo ma tanti problemi ce li creiamo con le nostre mani per un’ignoranza che ancora non viene debellata… Eppure esiste una letteratura scientifica immensa… Non so se questo messaggio arriverà mai ai dottori presenti.
    Vi saluto con immensa stima, gratitudine e ammirazione,
    Federica

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata