Una puntata di Box Salute, condotta in studio da Antonella Baronio e Gianni Leani, dedicata agli 8 anni della trasmissione ormai più popolare della nostra emittente. In studio insieme al dottor Piero Mozzi, medico secondo natura,  un altro volto noto di Telecolor: il naturopata Marco Ziliani. Una puntata non solo celebrativa, ma soprattutto un altro importante appunamento con i telespettatori in una puntata a telefoni aperti non su un singolo argomento, ma in un’ottica a 360 gradi su tutte le varie problematiche e patologia che hanno fra le maggiori cause un’alimentazione non corretta.

 

 

Per contattare il dott. Mozzi:

Località Mogliazze, Bobbio (Pc)

e-mail: info@mogliazze.it

Tel: 0523 936633 – Fax: 0523 936633

www.mogliazze.it

2 Risposte

  1. Brenda Zani

    Buongiorno dott. Mozzi, mi chiamo Brenda, sono una ex assitente di volo di 51 anni alta 1,70 peso 58kg di costituzione magra ma con cellulite (anche nelle braccia!:(). Vivo a Roma ma sono originaria di Firenze, sono gruppo sanguigno A+. All’età di 25 anni abitavo negli USA ed in un periodo di particolare stress ed alimentazione scorretta mi sono ammalata di Colite Ulcerosa con la quale convivo ormai da 27 anni alternando periodi di riacutizzazione e remissione. Uno degli ultimi avvicendamenti che ho fatto ero a Catania, con l’equipaggio abbiamo fatto un pranzo a base di pesce a quanto pare con dei gamberetti crudi non freschi ed alcuni di noi si sono sentiti male. Il pilota con dissenteria ed io con sangue… poco dopo sono stata ricoverata (era Pasqua del 2017) con colon ulcerato pseudo polipi e cicatrici varie, livello Mayo 3. I alternativa alla rimozione del colon mi hanno proposto un nuovo farmaco biologico che stava dando ottimi risultati, ho accettato ed ho fatt infusioni di Infliximab per 1 anno e mezzo, sono stata meglio e l’ho interrotto, da circa 2 anni non prendo farmaci e cerco di curarmi con un alimentazione sana con buoni risultati.
    Purtroppo però, durante il periodo del ricovero, dopo un infusione di Urbason ho iniziato ad avere fortissimi crampi sul lato dx del corpo che mi impedivano di dormire e una macchia bianca tipo vitiligine sul mento. Ho fatto l’ennesima visita da un dermatologo, che questa volta mi ha fatto la diagnosi giusta: Morfea (Sclerodermia Cutanea Lineare Diffusa). I primi trismi si sono manifestati nel 2005 in concomitanza con la malattia di mio padre, che dopo anni di litio (era bipolare) ha sviluppato un liposarcoma. Ero molto tesa dal suo stato di salute fisica e mentale e dormivo poco. Ho delle fortissime contrazioni muscolari dal lato dx della mandibola che mi impediscono di parlare, mangiare aprire la bocca più di un tot con conseguenti problemi di malocclusione, denti scheggiati, tagli sulla lingua, crampi al polpaccio, caviglia gonfia, solo dal lato dx.
    Ho provato tantissime cure alternative con scarsi risultati, uno delle ultimi tentativi è stato il Protocollo Coimbra (altissime dosi di vit. D che sembrano avere ottimi risulati sulle malattie infiammatorie e sul benessere generale) ammetto che sono stata meglio soprattutto a livello delle articolazioni mandibolari, ma l’ho interrotto un pò per le restrizioni alimentari legate al controllo del calcio negli alimenti che sopra certe dosi può compromettere seriamente i reni, un pò per l’obbligo di bere 2,5lt di acqua al giorno e anche perchè mi sono cresciute improvvisamente delle calcificazioni sulla testa seguite da un episodio di amaurosi fugace. Ho fatto una RM al cranio e sono risultate delle salienze osse e lesioni ischemiche. Col senno di poi, ho realizzato che molto probabilmente era più una conseguenza del Metrotexato che delle alte dosi di Vit. D (60,000UI). Infatti, il MTX mi ha dato fortissimi effetti collaterali e dopo 3 infiltrazioni sottocutanee l’ho dovuto interrompere.
    Sono stata in cura presso il centro di malattie rare della pelle del Policlinico di Milano ma con scarsi risulati, tutti gli immunosoppressori che ho preso mi hanno dato effetti collaterali, mi resta da provare il microfenolato Cellcept che aiuterebbe anche i problemi alle articolazioni della mandibola, mani e caviglia ma non ho il coraggio di prenderlo e per questo mi rivolgo a lei.
    La malattia è attiva e le macchie con erosioni sottocutanee si stanno estendendo anche al lato sx. Vedo il mio corpo trasformarsi e sono disperata. Due settimane fa sono stata dalla d.ssa Graziosi omeopata-endocrinologa che mi ha prescritto dei cicli di probiotici, granuli omeopatici e la dieta la sua dieta.
    Cerco di seguirla il più possibile ma sono un pò confusa sul glutine, i latticini e gli zuccheri (di cui ho abusato per anni essendo molto golosa). Vanno eliminati completamente? La colazione è la parte più difficile in quanto non riesco a mangiare salato con il caffè, ne bevo poco con latte di soya, avena o riso che a volte alterno con thè verde o kukicha, mangio delle crepes o gallette di grano saraceno (anche se mi sembra di manigare la plastica :() con un filo di burro di arachidi o ricotta di capra e marmellata senza zucchero (con succo d’uva) oppure dei fiocchi d’avena con un mix di mandorle e noci, d’inverno riscaldato. L’affettato di tacchino arrosto con magari del pane ai semi di lino o di segale è consentito?
    Durante il giorno ho introdotto i cerelali suggeriti dalla sua dieta: fagioli azuki verdi, lenticchie, tofu, pesce, ho eliminato carni rosse a favore di tacchino e pollo. Due, tre volte a settimana mangio pasta di grano saraceno, riso integrale, venere, quinoa, salmone, sgombro, merluzzo, acciughe e tante verdure sia cotte che crude (quelle le ho sempre mangiate volentieri).
    Ha qualche consiglio più personalizzato da darmi per mandare in remissione la Morfea?
    La ringrazio per la sua disponibilità.
    Cordiali saluti,
    Brenda Zani

    ps: perdoni la lungaggine ma c’è tanto roba! 🙂

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata