Cecil era un leone di 13 anni. È stato ucciso da un cacciatore americano in Zimbabwe, con l’aiuto di alcuni locali. Il sospettato principale, Walter James Palmer, secondo quanto riportato, avrebbe alle spalle una lunga attività di caccia illegale. Cheryl Semcer propone, attraverso Change.org, una petizione perché vengano stabilite tutte le responsabilità e presi tutti i provvedimenti necessari nei confronti di coloro che sono coinvolti nella morte di Cecil.

Fino ad oggi è stata persa l’80-90% della popolazione mondiale di leoni negli ultimi decenni, a causa della massiccia perdita di habitat, delle malattie, dei cacciatori di trofei e del commercio di animali esotici. La maggior parte dei leoni uccisi finisce come trofeo negli Stati Uniti.

Diventa necessario lavorare insieme per ottenere questi risultati:

1) C’è bisogno che lo United States Fish and Wildlife Service (USFWS) – il dipartimento degli Interni degli Stati Uniti che si occupa della gestione e conservazione della fauna selvatica – inserisca il leone africano nella propria lista di animali tutelati dalla legge sulla protezione delle specie minacciate di estinzione (Endangered Species Act), per aiutare a prevenire l’importazione di animali trofeo uccisi in circostanze scandalose.

2) C’è bisogno che questo dipartimento esamini le violazioni del Lacey Act (la legge che proibisce il commercio di animali selvaggi cacciati illegalmente). Se ci sono state violazioni, il signor Palmer e gli eventuali complici devono essere ritenuti pienamente responsabili.

3) I funzionari dello Zimbabwe hanno già arrestato due cittadini del Paese. La pressione dell’opinione pubblica deve continuare in modo che siano giudicati per questi fatti e per qualsiasi attività alla quale siano eventualmente collegati – questo sanguinoso e violento commercio di trofei di caccia non può proseguire con tutta questa crudeltà.

La caccia di trofei è vergognosa, ma ha un sacco di soldi alle spalle. Secondo quanto riportato, Cecil sarebbe stato attirato fuor dall’Hwange National Park, adescato con una carcassa di animale, colpito con un arco e una freccia, e poi sorvegliato per quasi due giorni prima di essere infine ucciso con una pistola. Gli assassini hanno anche cercato di distruggere il GPS attaccato a Cecil, il che è un’altra dimostrazione del fatto che che stessero facendo qualcosa di particolarmente immorale.

Firmare la petizione per ottenere giustizia per Cecil è possibile

https://www.change.org/p/giustizia-per-cecil-il-leone-simbolo-ucciso-da-un-cacciatore-di-trofei-in-zimbabwe?utm_source=action_alert&utm_medium=email&utm_campaign=358808&alert_id=qbOrlTVdNZ_cJUEYCB2ELcec1hU1Qhb%2BBsZCNcw08UrSQp6lQnzLOM%3

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata