Un presidio informativo per protestare contro la “54° Fera di Usei” che si terrà in questo fine settimana a Canzo. Ad organizzarla FRECCIA 45, OIPA Lecco, UADA Onlus e ZAMPAMICA 2010 Onlus, insieme ad un nutrito gruppo di volontari freelance del territorio lecchese domenica 30 agosto stazioneranno davanti al Palazzetto dello Sport con l’obbiettivo di sensibilizzare le coscienze di coloro che parteciperanno a quella che viene dagli stessi organizzatori definita “rassegna di caccia, pesca, animali da cortile, dimostrazione di chioccolo, tiro con carabina, falchi e falconieri, mostra di cani da caccia, prova di cani da ferma su quaglie, mostra trofei ungulati”. Si tratta per gli attivisti di uno “spettacolo retrogrado in cui vengono esibiti animali allevati e detenuti in cattività, strumentalizzati per il mero scopo di diffondere una cultura che promuova lo “sport” della caccia, venduti come merce ed esposti con il più diseducativo intento “didattico” possibile”. Il presidio si terrà dalle 10 alle 20.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata