La Procura di Brescia ha messo sotto sequestro preventivo l’Italcarni di Ghedi per presunte irregolarità e presunti maltrattamenti sugli animali. Gli uomini del Corpo Forestale hanno trasportato della carne all’esterno della struttura che verrà analizzata. Nello stabilimento di via Artigianale, nei giorni scorsi, si è anche verificato un incidente sul lavoro, in cui un uomo, probabilmente non in regola con il contratto, si è ferito ad una mano. Duro il commento della Lav che dice che “E’ anche ora che le Istituzioni e l’industria zootecnica chiariscano agli italiani come sono allevati questi animali, spiegando che la loro carne è sottoposta a trattamenti medici e doping, che finiscono nei piatti dei cittadini, con possibile pregiudizio anche per la salute umana. Ancora una volta, evidentemente, i controlli giornalieri di competenza dei servizi veterinari dell’ASL non hanno portato alla luce nulla di queste enormi violazioni, dimostrando un sistema di controllo assolutamente inadeguato e incapace di tutelare gli animali e la salute dei cittadini. Dopo l’inchiesta di Green Hill e questi nuovi scandali dovrebbe essere evidente al Presidente della Regione Lombardia Maroni che è ora di commissariare i servizi veterinari della ASL di Brescia.”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata