Con 438 voti a favore e 199 contrari, il Parlamento Europeo ha approvato un emendamento che cancella dal bilancio dell’Unione Europea i sussidi per gli allevatori di tori da combattimento. Dunque, ben 129 milioni di euro destinati ogni anno per la barbara tradizione della corrida in Spagna, Francia e Portogallo, dal 2016 in poi verranno destinati ad altri scopi. Lo stato spagnolo sostiene la corrida come forma di espressione culturale tradizionale, è quindi probabile che sopperirà alla mancanza dei fondi europei con propri stanziamenti. Il vento del cambiamento in Spagna è però forte e il settore si avvia comunque ad un lento ma inevitabile declino. Questo risultato ha quindi una rilevanza fondamentale in direzione dell’abolizione di questa pratica oramai ripugnate.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata