Milano Sono stati affidati a varie associazioni locali che daranno loro tutte le cure necessarie gli animali sequestrati dopo il blitz della Guardia di Finanza di Rho, su segnalazione del movimento animalista Eital, venerdì scorso nel retro di un abitazione di Rho, ribattezzata la fattoria degli orrori” dove si trovavano anche cani di piccola taglia, tenuti detenuti in stanze buie e all’interno di gabbie fatiscenti, sporchi e senza aria. I cani erano allevati clandestinamente per essere venduti, spiega Eital, fondata da Antonio Colonna, lo stesso che diede il via all’indagine su Green Hill, “in violazione di ogni norma igienico sanitaria”. All’interno di altre stanze e carriole si trovavano carcasse di animali morti utilizzati come cibo per i cani. Nel bilancio fornito dall’Eital a conclusione del blitz, anche otto trappole con cui venivano catturati uccelli e piccoli mammiferi tra cui una tagliola. Trovati e posti sotto sequestro anche merli, pettirossi, fagiani, tartarughe tutelate dalla Cites, la Convenzione di Washington sul commercio di animali esotici e in via di estinzione) e altri animali selvatici detenuti illegalmente. Vi erano anche pony legati in stanze buie e maialini e conigli in spazi angusti e privi di possibilità di movimento. Le Fiamme gialle, con l’aiuto tecnico di esperti dell’Eital, hanno sequestrato l’area e circa 100 animali di varie specie, mentre è scattata la denuncia alla Procura di Milano per i proprietari per i reati di maltrattamento di animali, detenzione e cattura illegale di fauna selvatica, macellazione clandestina, illecito smaltimento di rifiuti speciali.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata