Allarme sulla diminuzione della popolazione di insetti fondamentali per l’impollinazione, come api e farfalle: arriva dall’organismo Onu per la biodiversità, la Piattaforma intergovernativa scientifico-politica sulla biodiversità e i servizi agli ecostistemi (Ipbes). Il rapporto pubblicato parla di una flessione importante di tali specie in particolare in Europa nordoccidental e in Nordamerica, ma anche in altre aree del pianeta, a causa in particolare della modificaizone dell’habitat, della presenza di inquinanti e come è ovvio del cambiamento climatico. L’importanza di salvaguardare questi insetti ha conseguenze sulla produzione di frutta e verdura, tenendo conto che il l’impollinazione animale è direttamente responsabile di una quota tra il cinque e l’otto per cento del volume della produzione agricola, tra i 235 e i 577 miliardi di dollari di produzione annuale. A dipendere dall’impollinazione animale sono le colture di molti frutti, vegetali, semi, noci, olii.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata