Scattare la fotografia degli italiani, raccontare quello che siamo stati e soprattutto capire dove stiamo andando. Nasce da queste premesse Italiani.coop, il sito di ricerca e analisi curato dall’Ufficio Studi di Coop con l’ausilio di fonti interne e la collaborazione di istituti di ricerca italiani ed esteri. Il responsabile dell’Ufficio, Albino Russo: “Il progetto è di ricerca e comunicazione che Coop vuole mettere a disposizione della opinione pubblica attraverso diversi canali perchè siamo convinti che a dispetto della macroeconomia dello zero virgola siamo un Paese che sta cambiando molto”. In questo processo di cambiamento ci sono luci e ombre, di un Paese che ha attraversato la crisi ma ancora non ne è uscito completamente: “Purtroppo gli italiani sono ormai vecchi ma hanno voglia di cambiare: nel 2016 per la prima volta siamo diminuiti come residenti ma il Paese non è immobile e, non a caso, gli italiani nelle aspettative sul futuro tornano a mettere i figli e la famiglia e molto meno i soldi e la fama”. Un cambiamento dunque che avrà i suoi strascichi negli anni a venire: “Un Paese che torna ai suoi valori storici, famiglia, figli e cibo con consumi più sobri e orientati al benessere, crede meno nell’apparire e più nell’essere”. All’interno del sito Italiani.coop c’è anche una sezione dedicata ai Comuni di Italia dove si possono osservare, come sotto una grande lente di ingrandimento, le tendenze e i consumi dei singoli Comuni, scoprendo per esempio che i Millennials abitano a Platì in Sicilia e il Comune old per eccellenza è Ribordone nel Torinese dove la quota di giovani scende al 5,7%. O ancora: “Ad esempio si nota come i consumi pro-capite dell’area metropolitana lombarda mette a segno i consumi più alti mentre sui consumi alimentari domestici vince Roma su Milano perchè i milanesi spendono di più nella ristorazione extra-domestica”.

1 risposta

  1. Emeline

    Birgnihyauts someone help me out on this. htf do you let something get to that size without taking care of it. someone gotta tell me im crazy because if being redneck means you can have a gallon of pus in your knee then i dont want to be one. even if you dont have health insurance im sure someone is willing to stab that zit weeks be4 that happened. someone please expain this to me

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata