E’ uno degli affari internazionali più lucrosi al mondo che ammonta a circa 19 miliardi di dollari l’anno. Si tratta del commercio di animali o parti di essi che oltre a muovere ingenti somme di denaro è considerato pericoloso come il commercio di sostanze stupefacenti o di armi. E’ un mercato regolato dal Trattato Cites che elenca tre liste. La prima lista elenca gli animali e le piante in pericolo di estinzione, per cui commerciabili solo ed esclusivamente attraverso un permesso speciale; la seconda invece contiene gli animali e le piante commerciabili (ma di cui si deve tracciarne i movimenti, attraverso le “patenti” CITES); la terza contiene gli animali e le piante commerciabili ma endemici, ossia presenti in una determinata zona geografica, e per questo necessari di una particolare attenzione. Dal 2010 al 2015 è emerso che la maggior parte degli animali commerciati provenivano dalla lista due mentre nel 2012 c’è stato un boom di vendite pari a 30 milioni di piante e animali vivi prelevati direttamente in natura.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata