La Camera ha approvato all’unanimità una proposta di legge che ora passerà al Senato e che prevede la costituzione di un marchio italiano che attesti la qualità ecologica dei cosmetici. Ogni prodotto di bellezza provvisto del marchio dovrà presentare una sorta di “dossier ecologico” in cui viene specificata composizione e la quantità di sostanze non biodegradabili che possono avere impatto su acqua, ambiente e tipo di imballaggio. In sostanza l’obiettivo è di limitare il più possibile l’utilizzo di sostanze che possano danneggiare l’ambiente. Le nuove norme prevedono che il marchio, registrato e di garanzia pubblica, sia richiesto su base volontaria dalle aziende per i prodotti in grado di dimostrare il rispetto di alcuni parametri oggettivi di dermocompatibilità, di incidenza ecologica degli imballaggi, del mancato uso di sostanze cancerogene, tossiche o non biodegradabili.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata