Samurai ecologici in difesa dell’ambiente. A Tokyo, nel bel mezzo di Shibuya, uno degli incroci più trafficati al mondo, attraversato da migliaia di persone ogni ora, è spuntato un gruppo di artisti mascherati da samurai. Combattenti innocui, con, al posto della katana, una gigantesca pinza “acchiappa rifiuti”. Sono andati in giro così per tutto il quartiere, hanno setacciato i vicoli, le strade più trafficate, raccogliendo lattine vuote, cartacce e altra spazzatura. E non sono passati inosservati, hanno attirato su di sè molte attenzioni, tanto che qualcuno ha deciso di farsi fotografare in mezzo a loro, come se fossero dei super-eroi green. “Nella società consumistica di oggi, ogni giorno produciamo una quantità maggiore di rifiuti che vengono abbandonati in strada – dice Yasuteru Matsushima, uno dei samurai ‘acchiappa-rifiuti’ – noi crediamo che sia importante che ognuno rifletta di più su questo e si preoccupi di proteggere l’ambiente”.Una performance per sensibilizzare di più i giapponesi al rispetto dell’ambiente, sebbene rispetto ad altri popoli siano campioni in quanto a ordine e pulizia, ma che di sicuro ha destato simpatia. “Devono essersi preparati a lungo – dice un uomo che li ha visti all’opera – è stato divertente vederli e credo che quello che hanno fatto sia davvero bello”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata