“Le tecnologie spaziali sono oggi un elemento determinante nello sviluppo dell’agricoltura”. Lo ha ribadito ad “Agricoltura 4.0 – Braccia rubate all innovazione”, evento promosso dalla rivista Formiche, Luigi Pasquali, direttore Settore Spazio Leonardo e amministratore Delegato Telespazio.

“L’agricoltura vive una serie di problematiche che vengono da sfide globali – ha sottolineato Pasquali -, cambiamenti climatici, aumento della popolazione, e c’è poi l’esigenza di garantire oltre alla quantità del prodotto, la sua qualità, prima poco considerata con un uso improprio di acqua e di fertilizzanti che hanno appunto portato problemi all’ambiente. Oggi questa è una priorità e le tecnologie spaziali sono a disposizione di questa priorità, nel senso che portano in orbita una capacità di osservare ampi spazi di territorio ed estrarre informazioni che prese con diverse tecnologie, ottica, radar, spettrale e multispettrale”.

“Parole complesse – ha spiegato Pasquali – che alla fine semplicemente dicono che è possibile estrarre una serie di informazioni che ben processate con i sistemi digitali del data analytics possono consentire di attivare una serie di operazioni che garantiscono obiettivi come aumentare la produzione su spazi di territorio agricolo di fatto più o meno costanti ma soprattutto aumentarla mantenendo la qualità e rispettando l’ambiente. In questo senso la tecnologia è certamente uno strumento, ma uno strumento potente”.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata